Lattine green per Coca Cola

Lattine green per Coca Cola

Coca-Cola HBC Italia, il principale produttore e distributore dei prodotti a marchio The Coca-Cola Company e Gardaland Park, il Parco Divertimenti più importante d’Italia e tra i maggiori in Europa, si uniscono per testimoniare il loro impegno fattivo verso l’ambiente, rispettando e preservando le risorse naturali del territorio.

Attraverso la partnership avviata nel 2011, Coca-Cola HBC Italia e Gardaland Park hanno invitato i consumatori che si recavano al Parco a gettare le loro lattine vuote in una stazione di riciclaggio a forma di lattina gigante. Il riciclo delle prime 10.000 lattine raccolte ha consentito un risparmio di 1 tonnellata di CO2 non immessa in atmosfera con un notevole beneficio per l’ambiente. I risultati del primo anno di attività rappresentano solo l’inizio di una collaborazione che proseguirà anche nel 2012 con l’obiettivo di sensibilizzare e stimolare ulteriormente tutti i visitatori del Parco ad un comportamento più corretto e responsabile in tema di rifiuti, al loro recupero e riutilizzo. Con la nuova stagione, infatti, i punti per la raccolta differenziata delle lattine in alluminio saranno migliorati, offrendo così a tutti la possibilità di diventare i fondamentali collaboratori dell’iniziativa.

Coca-Cola HBC Italia e Gardaland Park festeggeranno insieme, inoltre, la “Giornata della Terra”, il più importante appuntamento a livello mondiale sui temi della sostenibilità, regalando, nel week end del 21 e 22 aprile 2012, a tutti i visitatori di Gardaland Park il libro per bambini “L’Ispettore Closet e la Tribù del riciclo”. Patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal CONAI e da Cittadinanzattiva Onlus, il racconto suggerisce, attraverso le avventure dei simpatici protagonisti, semplici ma fondamentali regole perché nessuna risorsa riciclabile venga sprecata.

“Siamo felici e onorati della partnership con Gardaland Park che, come noi, s’impegna concretamente da anni nella promozione di una scelta di vita rispettosa dell’ambiente, puntando soprattutto sulle giovani generazioni” ha dichiarato Alessandro Magnoni,

Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne di Coca-Cola HBC Italia. “Del resto, sono proprio i più giovani i veri protagonisti di Gardaland, che, in questo ambito di divertimento, possono educarci a gesti semplici, apparentemente banali, ma che davvero “fanno la differenza”: con 10.000 lattine, ad esempio, abbiamo contributo a risparmiare la quantità di energia necessaria al funzionamento di un televisore per 30.000 ore ”.

“Quest’iniziativa si inserisce in un più ampio progetto messo in atto dal Parco per contribuire attivamente alla risoluzione delle problematiche ambientali – ha dichiarato Alberto Giacomello, Landscape & Environment Manager di Gardaland Resort – “Il riciclo dell’alluminio si aggiunge, quindi, a quello della plastica e alla raccolta differenziata di altri materiali come carta e cartone, rifiuto umido, legno ed altro ancora. Ciò ci consente di evitare di inviare alle discariche prezioso materiale che, in questo modo, viene introdotto nuovamente nel ciclo produttivo e distributivo per un nuovo utilizzo da parte di tutta la comunità. Per questo siamo particolarmente soddisfatti della collaborazione avviata con Coca-Cola HBC Italia che nel corso del 2012 verrà ulteriormente intensificata”.

L’attenzione nei confronti dell’ambiente è per Gardaland Resort parte integrante della propria attività, da novembre 2010 il Parco ha approvato una propria politica ambientale e ha contestualmente iniziato i lavori di implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale conforme alla norma internazionale UNI EN ISO 14001. Proprio tramite il Sistema di Gestione Ambientale Gardaland Resort conta di progredire nel controllo dei fattori ambientali connessi alla propria attività e, tramite esso, può già da ora controllare con maggior efficacia i processi di raccolta differenziata e di avvio al recupero dei materiali. Oltre al CIAL, Consorzio Imballaggi Alluminio, Gardaland Resort aderisce ai consorzi per il riciclo di numerose altre tipologie di rifiuti come oli, pile e neon”.

L’impegno di Coca-Cola HBC Italia per l’ambiente comincia dall’attività industriale. L’installazione di nuovi macchinari ad alta efficienza, i continui interventi di automazione delle linee di produzione e l’utilizzo di tecnologie avanzate hanno comportato nel triennio 2008-2010 una netta diminuzione dei consumi energetici, calati del 10% per ogni litro di bevanda prodotta e dei consumi idrici, calati del 23% per ogni litro di acqua minerale imbottigliata. Sul fronte dei rifiuti l’azienda si conferma eccellente: il riciclo dei materiali di scarto generati nel ciclo produttivo ammonta al 98%.

Leave A Response