Termini Imerese, dopo la Fiat la svolta green

Termini Imerese, dopo la Fiat la svolta green

Il cancello bianco chiuso per l’ultima volta il 24 novembre scorso ha rappresentato la fine di un’epoca per un paese di 30 mila abitanti. Il cancello è quello della Fiat, il paese è Termini Imerese. Nel frattempo, c’è chi non aspetta la manna dal cielo ma si rimbocca le maniche, a dispetto dello spirito fatalista tradizionalmente imputato ai siciliani. «Abbiamo cominciato a prefissarci obiettivi green quando si è avuta la certezza che la Fiat non sarebbe rimasta», così Fabio Montagnino, amministratore unico di Idea, azienda di Termini Imerese, ne spiega la svolta ecologista. Idea, di concerto con la Biosurvey, spin off dell’Università di Palermo, ha realizzato un tutore in bioplastica per la riforestazione dell’ecosistema marino. Fondamentale per l’incontro di queste realtà, il Consorzio Arca, incubatore d’impresa dell’ateneo palermitano, diretta dallo stesso Montagnino.

Leggi l’articolo completo qui.

Leave A Response