Con Keesy anche l’Host va in vacanza senza pensieri

Con Keesy anche l’Host va in vacanza senza pensieri

Chi è Host e affitta casa lo sa bene, gestire l’ospitalità extra-alberghiera in estate non è affatto semplice. L’aumento del turismo nel periodo delle vacanze comporta infatti una serie di problemi logistici e burocratici spesso impegnativi in termini di tempo, primi fra tutti la consegna delle chiavi e la relativa registrazione e messa in regola degli ospiti al check-in (e check-out). A risolvere queste incombenze ci pensa Keesy, giovane startup fiorentina dedicata all’accoglienza turistica 2.0 che offre una soluzione comoda ed efficace sia per i proprietari che per gli ospiti in arrivo.

 

In vacanza si chiede flessibilità – commenta Patrizio Donnini, fondatore della startup – e noi lavoriamo per dare questa opportunità non solo agli ospiti in arrivo, ma anche a chi fa dell’accoglienza un servizio. Da quando abbiamo aperto, abbiamo ricevuto richieste per la copertura di tutto il mese di agosto, da qui è nata l’esigenza di creare un abbonamento mensile. Vogliamo ridare all’Host la libertà di andarsene in vacanza senza dover presenziare alla consegna dell’appartamento. Allo stesso tempo il Guest è sempre libero di prendere le chiavi dell’immobile affittato quando vuole, anche se arriva in città più tardi di quanto previsto a causa di un volo o un treno in ritardo”.

 

La gestione del tempo è un problema effettivo non solo per gli Host. Secondo un’indagine GFK Eurisko svolta nel mese di marzo, il 38% degli italiani ritiene che avere orari definiti per fare check-in sia una difficoltà oggettiva che può avere ripercussioni sull’intera vacanza. Non solo. A richiedere la possibilità di fare check-in fuori dalla fascia oraria predefinita (13-20) è in media il 37,8% dei viaggiatori. Per essere un bravo Host è quindi assolutamente necessario essere molto flessibili e disponibili in termini di orari.

 

Burocrazia automatizzata per la lotta all’evasione fiscale

Oltre a risolvere la delicata problematica del tempo, Keesy si propone anche di combattere l’evasione fiscale nel mondo degli affitti turistici.  Il servizio è stato concepito anche per aiutare gli Host a rispettare le regole: tutte le pratiche burocratiche – tra cui la riscossione della tassa di soggiorno – vengono gestite in forma totalmente automatizzata da Keesy, con invio dei documenti in tempo reale alla Questura. Una volta completata la prenotazione, il Guest riceve un codice unico e segreto per accedere al Keesy Point, al cui interno potrà effettuare il check-in con un totem e ritirare le chiavi dell’immobile dall’apposita Key Box (gli armadietti numerati all’interno del point).

 

Nuove funzioni per dare a Host e Guest maggiori vantaggi

Per agevolare ulteriormente la vita di chi fa home sharing, il team di Keesy ha sviluppato una nuova serie di funzioni e offerte che vanno ad arricchire il servizio:

  • Keesy Rider – Quando non si ha nemmeno tempo di recarsi al Keesy Point, l’Host può richiedere l’aiuto di un Keesy Rider, un vero e proprio personal concierge che provvede al ritiro delle chiavi e al loro deposito nella Key Box. Il nuovo servizio di “portineria on demand” è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00, ed è in offerta per tutto il mese di agosto gratuitamente (con un costo fisso di 5 € a partire dal mese di settembre).

 

  • Check-in online – Il Guest può compilare i propri dati e inviare la scansione del documento di identità direttamente da casa, tramite App o sito web, ancor prima della partenza. In questo modo, una volta arrivato al Keesy Point troverà la propria scheda già compilata e dovrà solo provvedere al ritiro delle chiavi e a confermare l’invio delle pratiche di registrazione in questura.

 

  • Nuove tariffe – Oltre al check-in giornaliero e all’abbonamento annuale e semestrale, sono ora disponibili anche un abbonamento mensile (199 € al mese) e un pacchetto open che comprende 15 Keesy Check utilizzabili quando si vuole (119 € con validità annuale).

 

Il futuro di Keesy

Presente nel mercato dei servizi di accoglienza extra-alberghiera da maggio 2017, Keesy è già una piccola rivoluzione. In due mesi sono state effettuate oltre 100 attività tra Host e Guest, nella sola città di Firenze. “In autunno apriremo nuovi Keesy Point anche a Roma, Milano e Venezia, ma puntiamo ad arrivare anche all’estero da cui nelle ultime settimane stiamo ricevendo numerose richieste di informazioni per l’attivazione del servizio”, conclude Donnini.

La previsione è che ogni singolo point possa fatturare dai 400mila ai 600mila euro l’anno. L’obiettivo finale è ambizioso: arrivare al pareggio di bilancio tra i 12 e i 18 mesi e raggiungere i 2,4 milioni l’anno di fatturato. Una sfida che Keesy sembra pronta a vincere.

Keesy è disponibile gratuitamente sia per iOS che Android.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito: www.keesy.com

Keesy

Keesy Srl è la start up dedicata al turismo extra-alberghiero, composta da un team di professionisti accomunati da una profonda passione per i viaggi e le nuove tecnologie. Fondata a Firenze da Patrizio Donnini, imprenditore e consulente nel settore nuovi media, Keesy nasce dalla volontà di semplificare la vita di chi ogni giorno fa dell’ospitalità la sua missione, restituendo a chi affitta e a chi ospita la libertà di decidere del proprio tempo. www.keesy.com

Comments are closed.