Rockwool Italia, l’architettura sostenibile

Rockwool Italia, l’architettura sostenibile

Il costante impegno in favore della ricerca di soluzioni con elevate performance e di efficienza energetica, ha portato Rockwool Italia – leader mondiale nelle tecnologie per la lana di roccia – al “Convegno Internazionale Alfabetizzazione all’Ecologia ed alla Qualità dell’Architettura“, organizzato dalla rivista Bioarchitettura, dall’Istituto Nazionale di Architettura e dalla Provincia di Firenze.

Nella splendida cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze, esperti di fama internazionale si sono confrontati sul tema della bioarchitettura, un modo di progettare e costruire basato sulle nuove consapevolezze della eco-sostenibilità, della bio-compatibilità e del risparmio energetico. L’architettura, infatti, deve (o dovrebbe) avere come fine ultimo la capacità di creare luoghi in grado di rapportarsi in modo equilibrato con l’ambiente in cui si inseriscono e che inevitabilmente trasformano.

Il convegno – che si è svolto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica – ha riunito alcuni dei protagonisti del rinnovamento europeo dell’architettura rivolta all’uomo e all’ambiente, funzionari pubblici che hanno intrapreso azioni concrete per una più alta qualità ecologica, esperti e progettisti che nel corso degli anni hanno messo a punto e verificato proposte progettuali per ambienti di qualità. Con quale obiettivo? Avviare un processo di alfabetizzazione all’ecologia ed alla qualità dell’architettura per sensibilizzare i cittadini e gli operatori, sia pubblici che privati.

L’interesse verso filosofie e tecnologie costruttive eco-compatibili è in costante aumento: sono sempre di più, infatti, i professionisti che mettono al centro del proprio percorso di ricerca culturale, professionale e progettuale la consapevolezza di lavorare per l’uomo e per la sua salute psicofisica, operando in equilibrio con l’ambiente circostante.

Questo convegno rappresenta un passo importante per l’istituzione di un tavolo tecnico permanente teso a legare ecologia e architettura. Perché la qualità degli ambienti di vita risiede innanzitutto nelle logiche di relazione.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.