Banca Popolare di Spoleto e Ternigreen finanziano il “Primo polo italiano dell’industria verde”

Banca Popolare di Spoleto e Ternigreen finanziano il “Primo polo italiano dell’industria verde”

Una collaborazione che consentirà di attivare investimenti con importanti ricadute per il territorio, sostenendo la nascita del “Primo polo italiano dell’industria verde”, contribuendo alla realizzazione di nuovi modelli di sviluppo in settori sensibili all’innovazione tecnologica, ancora non maturi e nei quali esistono possibilità di crescita.

Questo l’obiettivo dell’accordo sottoscritto tra Banca Popolare di Spoleto e TerniGreen, società attiva nel settore ambientale, del recupero di materia ed energia e dello sviluppo e produzione di tecnologie, parte del gruppo T.E.R.N.I. Research.

In particolare, grazie all’intesa, Banca Popolare di Spoleto metterà a disposizione Euro 1,7 Milioni a sostegno dei progetti industriali di TerniGreen, in coerenza con il piano industriale presentato alla comunità finanziaria lo scorso 22 Febbraio. Gli affidamenti previsti nell’ambito dell’operazione, inoltre, rappresentano parte della strategia oculata di reperimento delle risorse da parte della Società, che punta a mantenere un equilibrio economico e finanziario tra attività a più alta intensità di capitale e marginalità elevate e altre che garantiscono flussi di liquidità nel breve periodo.

L’accordo, quindi, valorizza la sinergia tra due importanti attori dello sviluppo territoriale: la Banca Popolare di Spoleto, punto di riferimento indipendente nel mondo del credito per la piccola e media industria innovativa del territorio, e TerniGreen, interprete di un nuovo modello industriale in direzione della green economy, ad alto contenuto di sostenibilità.

La crisi economica sembra non aver affatto colpito la Banca Popolare di Spoleto che, in controtendenza rispetto ai principali istituti di credito, ha annunciato che aprirà entro l’anno 8 nuovi sportelli, tra Torino, Roma, Frosinone e Firenze.

Molte novità anche a livello di prodotto è stato presentato il certificato di deposito, a 10 mesi, con rendimento lordo al 5% per un importo minimo di 1.000 euro. Si tratta di uno strumento di valorizzazione del risparmio semplice e trasparente adatto alle esigenze delle persone e lontano dai miraggi della finanza creativa. La raccolta realizzata attraverso questo nuovo strumento verrà reinvestita dalla Banca Popolare di Spoleto nei territori di pertinenza per finanziare lo sviluppo del sistema produttivo locale. “La nostra iniziativa di oggi ci permette di operare alla base del meccanismo elementare del credito – commenta il Direttore Generale di Bps, Francesco Tuccari- soprattutto verso le famiglie, verso i cittadini che lavorano e risparmiano. Difendere, valorizzare e remunerare al meglio i loro risparmi e soprattutto – a differenza dei grandi gruppi bancari – attrarli, indirizzarli verso lo stesso territorio che li ha espressi, sottoforma di finanziamenti al sistema produttivo. E’ il modo più semplice ed efficace per far crescere un sistema locale. Noi lo facciamo: questo significa essere banca territoriale”.

La campagna promozionale del nuovo prodotto avrà come testimonial Marco Materazzi insuperabile difensore, campione del mondo che, sia per motivi sportivi e professionali, sia per motivi di famiglia e residenza anagrafica, ha ormai la cittadinanza d’onore umbra.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.