Consegne eco, anche per la pizza!

Consegne eco, anche per la pizza!

Tre miliardi di cartoni per la pizza circolano solo negli Usa e quasi nessuno di questi può essere riciclato a causa degli “avanzi” attaccati al contenitore.

Da noi le cose non sono poi così diverse, anzi: secondo un sondaggio, solo un italiano su sei butta il contenitore nel sacco nero, mentre più del 70% lo tratta come fosse carta, non rendendosi conto che il gesto è assolutamente inutile se esso è stato a contatto con cibo e condimenti.

Per risolvere questo problema, il network statunitense Good news reuse – produttore di oggetti sostenibil per il mercato del food and beverage – ha lanciato Pi Pan, un disco realizzato in acciaio inossidabile con materiali riciclati e certificati, esattamente come si fa per il riutilizzo delle bottiglie di plastica. Il contenitore, in più, può essere usato per più di mille volte e il suo costo è ammortizzato in una trentina di usi.

Il design, poi, è pensato per una consegna a domicilio comoda e per conservare il calore della pizza.

Tutto bello, vero? Ma c’è un piccolo problema: Pi Pan non è ancora su mercato ed i suoi creatori hanno deciso di raccogliere i fondi necessari alla commercializzazione attraverso una piattaforma globale di fundrising in rete.

E in Italia? Il nostro paese – che è poi la patria della pizza – si è pensato a soluzioni eco-sostenibili. L’anno scorso, ad esempio, Comieco ha lanciato un cartone più ecologico il cui coperchio poteva essere facilmente rimosso, garantendo in questo modo una comoda differenziazione dalla carta “non pulita”.

In Italia molte aziende stanno cavalcando quest’onda eco, ma la strada è ancora molto lunga. E i consumatori continueranno a preferire il vecchio (ed inquinante) cartone o saranno affascinati dal nuovo “disco”?!

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.