GREENPEACE e WWF per la tutela delle foreste

GREENPEACE e WWF per la tutela delle foreste

Tre organizzazioni leader della conservazione a livello mondiale oggi iniziano una mobilitazione di massa, che parte dai loro 22 milioni di sostenitori, per invitare il Presidente brasiliano Dilma Rousseff a porre il veto al disegno di legge sul Codice Forestale approvato dalla Camera dei Deputati.

WWF, Greenpeace e Avaaz denunciano che le modifiche proposte al Codice forestale vanificano i recenti successi nel ridurre i processi di deforestazione e gli sforzi di compromesso fin qui trovati per contrastare la corruzione nella regione amazzonica.

Già più di 1,4 milioni di persone da tutto il mondo hanno firmato la petizione di Avaaz, che chiede al presidente Rousseff di porre il veto alla proposta di Codice forestale; questo numero è destinato a salire nei prossimi giorni. Allo stesso modo, centinaia di migliaia di sostenitori di Greenpeace e WWF hanno risposto all’appello sui social media come Twitter, utilizzando #SOSBrazil e #VetaTudoDilma e postando messaggi direttamente alla pagina Facebook del partito politico del presidente, Trabalhadores Partidodos.

La petizione è sostenuta da una campagna delle tre associazioni che chiedono ai loro milioni di tifosi brasiliani di inondare le ambasciate in tutto il mondo con messaggi e telefonate che esprimano l’opposizione mondiale al disegno di legge.

Il presidente Rousseff non ha dato alcun segno di reazione fino ad ora, né ha indicato se ha intenzione di combattere quanto è stato approvato il 25 aprile. I gruppi dicono che solo un veto pieno può salvaguardare le foreste del Brasile, la verde Amazzonia , e contribuire a contrastare il cambiamento del clima globale. La Presidente Rousseff ha ricevuto l’avviso questa settimana e ha tempo fino al 25 maggio per porre il veto su tutto o parte del disegno di legge, o per consentire che diventi legge.

“Negli ultimi dieci anni, il Brasile ha compiuto progressi nel ridurre la deforestazione in Amazzonia. Sappiamo quanto il Presidente Rousseff sia oggi sotto una massiccia pressione politica di coloro che bruciando la foresta hanno guadagni a breve termine, ma chiediamo di sostenere fermamente la tutela delle risorse forestali che sono così vitali per il futuro di tutti i brasiliani e del mondo intero” ha dichiarato Jim Leape, direttore generale del WWF Internazionale. “L’Italia è un importante mercato di legname e prodotti del legno – ha aggiunto Massimiliano Rocco, responsabile Specie e Foreste del WWF Italia – La distruzione della foresta amazzonica non è un problema dei soli brasiliani, è un problema per gli equilibri ambientali dell’intero pianeta e riguarda tutti noi. Chiediamo a tutti i cittadini italiani di attivarsi, di chiamare le ambasciate del Brasile e di sottoscrivere le nostre petizioni online, per dire a gran voce basta alla distruzione delle foreste, che per soddisfare gli interessi di pochi, mette in gioco il nostro futuro.”

Brasile Institute for Applied Economic Research (IPEA) ha stimato che la nuova normativa potrebbe portare nei prossimi anni alla perdita di un patrimonio di 76,5 milioni di ettari (190 milioni di acri) di foresta, che si traduce in 28 miliardi di tonnellate di CO2 in atmosfera. Ciò renderebbe impossibile per il Brasile raggiungere i propri obiettivi di riduzione di carbonio.

“Migliaia di persone provenienti da tutto il mondo lanciano l’allarme e stanno chiamando le ambasciate del Brasile per sollecitare il presidente Rousseff a salvare l’Amazzonia. Quasi l’80% dei brasiliani desidera che questo disegno di legge catastrofico venga rottamato e finora oltre un milione e quattrocentomila persone in tutto il mondo li supportano. Il presidente Rousseff deve fare una scelta – firmare la condanna a morte dell’Amazzonia o proteggere i polmoni del pianeta ed emergere come un eroe pubblico “, ha detto Ricken Patel, direttore esecutivo Avaaz.

“Il presidente Dilma Rousseff si trova in un momento cruciale per la sua presidenza. La scelta è chiara. Si può ignorare il popolo brasiliano e proseguire con ‘la distruzione as usual’ come sancito nel nuovo Codice forestale o scegliere di esercitare il suo veto e sostenere la richiesta di una nuova legge Deforestazione Zero. Chiediamo di essere visionaria come un vero leader che capisce che con il potere viene la responsabilità “, ha detto Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace International.

Le associazioni inoltre criticano le disposizioni previste nel disegno di legge, norme che prevedono l’amnistia, un drastico colpo di spugna per chi negli anni passati ha illegalmente ed irresponsabilmente portato avanti una drammatica deforestazione illegale. I condoni proposti non sono accettabili, è una resa avanti a chi sta saccheggiando il nostro pianeta, e inoltre non solo lasciano liberi i criminali ambientali ma fanno anche perdere circa 4,8 miliardi di dollari di multe.

I gruppi stanno spingendo il presidente Rousseff ad ascoltare i suoi elettori – il 94% dei quali si dicono preoccupati per l’ambiente, secondo un recente sondaggio condotto per la Confederazione Nazionale dell’Industria – e al movimento globale che chiede un veto ala distruzione del più grande ecosistema forestale del nostro pianeta, l’Amazzonia.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.