Habitat Lab, il futuro dell’edilizia green alle porte di Milano

Habitat Lab, il futuro dell’edilizia green alle porte di Milano

L’innovazione e la sostenibilità in edilizia, da oggi, sono di casa a Corsico, nell’hinterland milanese. È stato inaugurato infatti questa mattina “Habitat Lab”, l’edificio-laboratorio con il quale il Gruppo Saint-Gobain si propone di promuovere in Italia la sua visione dell’ ”Habitat” e un nuovo modo di costruire, attento sia alla sostenibilità degli edifici sul piano energetico, dei materiali impiegati e delle emissioni inquinanti, sia al benessere delle persone e al comfort abitativo.

Oltre 1.200 metri quadrati di superficie, due anni di lavoro, per un investimento complessivo di oltre 4 milioni di euro. Le soluzioni innovative Saint-Gobain sono state applicate per l’involucro opaco e trasparente, controsoffitti, divisori interni, coperture, impianto fotovoltaico e materiali di finitura. Habitat Lab è destinato a diventare il fiore all’occhiello di Saint-Gobain Italia, esempio eccellente di quell’innovazione che il Gruppo persegue e promuove nel nostro Paese anche come
risposta all’attuale congiuntura negativa, per la ripresa e lo sviluppo del settore delle costruzioni.

“Habitat Lab è il primo esempio di edificio realizzato in Italia secondo gli standard Multi-Comfort, il programma di soluzioni integrate proposte al mercato edilizio da Saint-Gobain”, ha dichiarato Gianni Scotti, Delegato Generale di Saint-Gobain Italia, Egitto, Grecia e Turchia. “L’inaugurazione di questa struttura –rappresenta allo stesso tempo per noi un successo, in un contesto di mercato come quello attuale, e una tappa fondamentale nel percorso di sviluppo del mercato  italiano.

Abbiamo infatti da tempo un’idea precisa di cosa debba voler dire costruire bene in Italia, a misura di ambiente e persone. Il nostro Habitat Lab sarà d’ora in poi un punto di riferimento, un modello tangibile e sostenibile da perseguire; un centro votato alla formazione per promuovere sempre di più una nuova, moderna cultura del costruire.”

Creare e costruire innovazione Habitat Lab, ricavato all’interno dell’area industriale di Saint-Gobain Abrasivi a Corsico (MI), uno dei primi e più importanti insediamenti produttivi del Gruppo in Italia, unisce in sé vecchio e nuovo, passato e futuro dell’edilizia. Il progetto ha previsto infatti la ristrutturazione di un’area preesistente della fabbrica, un’ala di una vecchia palazzina degli anni ‘50 di circa 700 m2, e la realizzazione di una struttura di nuova costruzione di altri 500 m2.

Il risultato è oggi un centro polifunzionale “passivo” e autonomo sotto il profilo energetico, in grado di ospitare al contempo uno showroom delle soluzioni e dei prodotti Saint-Gobain per l’Habitat sostenibile, sale riunioni e un’area dedicata agli incontri e alle pause di lavoro, infine strutture per le attività didattiche e spazi attrezzati per le dimostrazioni di applicazione dei prodotti.

L’Habitat ideale per la formazione Saint-Gobain. Oltre ad essere un laboratorio aperto e in costante evoluzione grazie alla continua ricerca su nuovi materiali e soluzioni costruttive, Habitat Lab nasce anche come importante centro di formazione teorica e pratica, dedicato a progettisti, imprese e applicatori per la diffusione dei nuovi modelli costruttivi. Uno spazio dove poter condividere una diversa “cultura dell’abitare”, ispirata al benessere dell’uomo e alla salvaguardia dell’ambiente; un luogo in cui incontrarsi, scambiare esperienze, continuare a imparare.

Un concentrato di tecnologie costruttive. Habitat Lab presenta al suo interno una lunga serie di accorgimenti tecnici, valorizzati in ogni aspetto della fase progettuale. Tutti i marchi dell’Habitat Saint-Gobain – Glass, Gyproc, Isover,

Weber, Pam, Eurocoustic, Ecophon, Norton e Solar – hanno apportato il loro contributo: dai sistemi a cappotto agli isolanti minerali più performanti, dalle lastre dei sistemi a secco con tecnologia activ’air – in grado di abbattere i livelli di formaldeide e di inquinamento indoor – ai vetri ideali per isolare al meglio in tutte le stagioni, fino ai pannelli fonoassorbenti e ai vetri elettrocromici, in grado di scurirsi o opacizzarsi all’occorrenza grazie ad un semplice impulso
elettrico. Ogni angolo della struttura, fissaggio o minimo dettaglio, non è lasciato al caso, ma nasconde un’intuizione, una regola costruttiva, un suggerimento.

L’Habitat del vivere bene e sostenibile. L’insieme di tutti gli accorgimenti tecnici e delle soluzioni Saint-Gobain offrono prestazioni di sostenibilità al top, contribuendo al 45% del punteggio totale necessario per la richiesta della
certificazione LEED “Platinum”, che attesta la salubrità, il comfort, la durevolezza, l’efficienza energetica e la sostenibilità di un edificio. Habitat Lab è infatti in grado di assicurare un risparmio energetico pari a 790 MWh/anno (Classe A+, secondo gli standard di Regione Lombardia) rispetto a un edificio di pari metratura al minimo di legge (Classe C) e una riduzione delle emissioni di CO2 di 62,5 ton/anno, pari alla salvaguardia di circa 5 ettari e mezzo di foresta all’anno. Nei 25 anni di vita utile di un edificio, il risparmio in emissioni inquinanti di Habitat Lab consentirebbe di riempire di CO2 l’intera basilica di San Pietro, mentre il risparmio energetico ottenuto complessivamente corrisponde al fabbisogno energetico annuo di 8 abitazioni di medie dimensioni.

Il comfort si vede, (non) si sente, si respira. Le soluzioni di isolamento utilizzate per Habitat Lab, oltre alla piena efficienza energetica, consentono una perfetta protezione dai rumori esterni, grazie all’isolamento e ai tripli vetri della
facciata, e lo svolgimento di diverse attività interne in contemporanea senza interferenze reciproche, in virtù dei pannelli a parete e degli speciali controsoffitti fonoassorbenti. La struttura è anche un piacere per gli occhi, grazie al forte impiego del vetro anche come elemento divisorio interno e di regolazione della luminosità. Infine è salubre: le pareti a secco interne con tecnologia activ’air assicurano infatti una riduzione degli inquinanti interni (VOC e formaldeide) di oltre il 70%.

Energia pulita, materiali eco-friendly. Habitat Lab non solo consuma meno, ma consuma meglio. I pannelli fotovoltaici sul tetto, fissati su una copertura finita con la speciale soluzione isolante per tetti piani, fornisce tutta l’energia
necessaria, mentre il sistema di tubazioni per la raccolta e lo scarico delle acque reflue garantisce il loro smaltimento, senza danneggiare l’ambiente circostante. Diversi sono inoltre i materiali riciclati impiegati, come l’isolante minerale G3, il gesso dei sistemi a secco per le pareti interne e i controsoffitti, infine la ghisa del sistema di tubazione.

Un laboratorio in costante monitoraggio. Habitat Lab è un edificio-laboratorio dinamico e in costante evoluzione, nel quale le soluzioni SaintGobain vengono testate in situazioni di reale utilizzo, il tutto all’insegna del comfort e della
sostenibilità. Una vera e propria “macchina architettonica” controllata da un sistema domotico che consente di rilevare in tempo reale le prestazioni in termini di consumi, qualità abitativa degli ambienti, riduzione delle emissioni inquinanti. I punti di monitoraggio realizzati all’interno dell’edificio sono in tutto 26, mentre i dati monitorati sono visionabili sia sugli schermi disponibili all’interno del Centro, sia a breve anche online in tempo reale.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.