Il 2011 è un anno green Yamaha Motor Racing

Il 2011 è un anno green Yamaha Motor Racing

Il Yamaha Factory Racing Team di Jorge Lorenzo e Ben Spies è la scuderia più green del Motomondiale: dal 2010 Yamaha Motor Racing è ufficialmente la prima società nella storia del Motomondiale ad aver ricevuto la certificazione ambientale ISO 14001.

L’importante riconoscimento è stato ottenuto grazie alla consulenza e ai prodotti di Airbank, azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza industriale.

“Dopo un 2010 che ci ha visto protagonisti con la conquista della Tripla Corona MotoGP e una prima parte di stagione 2011 che ci vede ancora molto competitivi, con tre vittorie al nostro attivo, siamo orgogliosi di aver ottenuto anche un importante risultato extra-sportivo quale il rinnovo della certificazione ambientale, ad un anno esatto dall’ottenimento di questo importante obiettivo” ha spiegato Marco Riva, General Manager di Yamaha Motor Racing. “Grazie al determinante contributo di tutto il personale di Yamaha Motor Racing e del responsabile EHS, Dario Carrettoni, nonché del sistematico processo di analisi e controllo di CerTo e della consulenza specifica di Airbank, partner di Yamaha Motor Racing, siamo convinti di aver fatto un ulteriore passo verso il consolidamento del nostro sistema di gestione ambientale. Pianificazione, implementazione, controllo e azione (PDCA) sono gli strumenti che utilizziamo, insieme ad Airbank, per aumentare la nostra competitività e per migliorare, ogni giorno di più, gli aspetti relativi a salute, sicurezza e ambiente”.
“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti” ha dichiarato Gloria Mazzoni, General Manager di Airbank. “In questi ultimi dodici mesi, Yamaha Motor Racing ha diminuito il suo impatto ambientale grazie alla consulenza dei miei soci Raffaele Pollini e Giammarco Cammi, esperti tecnici e commerciali, che hanno saputo consigliare i prodotti più idonei a nostro catalogo e progettare nuove soluzioni. Le azioni di smaltimento e raccolta differenziata di rifiuti e materiali inquinanti, di stocaggio e trasporto dei liquidi pericolosi, nonché per la tutela degli addetti hanno sempre rispettato i rigidi parametri della Certificazione. Gli standard raggiunti sono stati mantenuti e molti processi sono stati migliorati, aumentando negli addetti dell’azienda la consapevolezza nel rispetto dell’Ambiente”.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.