Il cloud computing riduce il consumo di energia

Secondo un’analisi commissionata da Microsoft, l’utilizzo del cloud computing è più efficiente in termini di consumi energetici rispetto all’utilizzo dei data center tradizionali.

Pare che il risparmio tra l’avere un infrastruttura IT in hosting piuttosto che presso la propria sede oscilli tra il 30 ed il 90%. Lo studio è stato condotto da Accenture e da WSP Energy & Environment, comparando l’utilizzo di tre applicativi Microsoft (SharePoint, Exchange e Dynamics CRM) nelle due modalità.

I benefici maggiori sono quelli ottenuti dalle piccole aziende con meno di 100 utenti. Le ragioni di tale risparmio sono da ricercare nel fatto che le grandi aziende come Microsoft, Google e Amazon sono specializzate nel gestire infrastrutture informatiche complesse e hanno tutto l’interesse ad adottare le migliori tecnologie per il risparmio energetico, come ad esempio la virtualizzazione. In molti casi invece, i data center tradizionali non riescono a raggiungere simili livelli di efficienza.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.