Il Friuli Venezia Giulia unisce le forze delle imprese agricole per produrre energia green

Il Friuli Venezia Giulia unisce le forze delle imprese agricole per produrre energia green

Il Friuli Venezia Giulia ha unito le forze delle sue imprese per produrre energia pulita valorizzando il sistema della filiera corta a km zero, che permette non solo di salvaguardare il territorio ma favorisce in tutte le sue sfaccettature l’Italia ed i suoi prodotti.

In questa importante regione 10 imprese agricole, con la partecipazione di FriulAdria del Gruppo Cariparma-Credit Agricole, hanno così dato il via ad un impianto che alimenta una filiera a km zero che consentirà la produzione di oltre 8.500 MWh (Megawattora) all’anno, grazie al biogas ricavato dalla fermentazione delle colture erbacee.

L’impianto a biogas, che permetterà tutto questo, è la centrale Greenway Bertiolo di Udine, situata nella nuova zona industriale di Braide Matte.

Il funzionamento della centrale è quello classico: i terreni della zona attorno alla centrale forniscono, in entrata e in uscita, la materia prima ed il fertilizzante organico naturale che , ricavato da tale processo, si depositerà sul terreno stesso evitando così l’uso di concimi chimici.

Il costo della centrale, che occupa circa 18.000 metri quadrati con oltre 300 ettari di terreno, ha raggiunto circa i 5 milioni di Euro, ed il tutto è stato realizzato nel giro di due anni, garantendo un futuro funzionamento ogni giorno dell’anno.
La potenza dell’impianto raggiunge 1 MW (Megawatt) elettrico, utile a coprire il fabbisogno energetico di oltre 2.000 famiglie.

L’energia che si stima di cedere alla rete raggiunge circa gli 8.000 MWh compresa la detrazione degli autoconsumi annui, che garantiranno inoltre la possibilità di aumentare l’energia termica a costi ridotti per l’intera area industriale circostante.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.