La gestione dei rischi ambientali: una nuova professione

La gestione dei rischi ambientali: una nuova professione

 

L’impatto sulla situazione finanziaria di un’azienda che non adotta una corretta politica ambientale può essere devastante sia in termini economici, sia in termini di prestigio e reputazione, generando molteplici conseguenze: perdite di quote di mercato, impatto negativo sugli azionisti e sulla raccolta di capitale, multe, costi di bonifica, sanzioni penali.

In questo scenario emerge la necessità di una nuova figura professionale, come quella del manager esperto nella gestione dei rischi ambientali che abbia sì una visione complessiva delle problematiche ambientali, ma che disponga anche del know how per indirizzare gli interventi sia di bonifica che, ancora prima, di prevenzione e quindi di riduzione dei rischi nel modo più economico ed efficace. Le aziende che, più di altre, avvertono tale esigenza sono quelle appartenenti al settore chimico, petrolchimico, metallurgico e siderurgico. e quelle che lavorano o trasportano merci pericolose.
Per questo CINEAS, il Consorzio universitario specializzato nella formazione sui temi legati alla gestione del rischio, mette a disposizione di coloro che intendono intraprendere tale percorso professionale la propria esperienza e tradizione. In collaborazione con il Politecnico di Milano, il Consorzio ha dato vita al master in Environmental risk assessment and management, finalizzato alla formazione di una figura che non soltanto abbia una conoscenza approfondita dei vari rischi ambientali, ma che sia anche capace di quantificare l’impatto del danno economico che potrebbe derivarne all’azienda stessa.

Ruoli e competenze del manager che gestisce i rischi ambientali

Il compito principale di un Environmental Risk Manager è quello di supportare il sistema delle decisioni aziendali dal punto di vista strategico, metodologico ed organizzativo nella valutazione e nella gestione dei rischi ambientali. Le imprese necessitano, infatti, di figure che abbiano una conoscenza approfondita del complesso quadro normativo vigente per poter valutare il danno ambientale, le responsabilità ambientali, le misure di prevenzione, gli adempimenti amministrativi. Il manager esperto nella gestione dei rischi ambientali si occupa di individuare le tecniche e gli strumenti per la valutazione dei rischi partendo dall’analisi dei processi industriali, dei rischi di inquinamento specifici e del loro trasferimento assicurativo. A tal proposito, si tratta di una figura che ha competenze adeguate su quanto concerne la corretta gestione delle acque, delle emissioni in atmosfera, dei materiali pericolosi e cancerogeni, della contaminazione biologica, della gestione dei rifiuti, dell’inquinamento acustico ed elettromagnetico.

Sbocchi professionali
Il manager esperto nella gestione dei rischi ambientali può trovare collocazione professionale all’interno di imprese e industrie come dipendente interno o consulente esterno; nelle imprese di assicurazione che desiderino creare funzioni specialistiche interne, nelle società di gestione di impianti ecologici e nelle società di consulenza operanti nel settore.

Come si diventa manager esperti nella gestione dei rischi ambientali?
Chi desidera intraprendere tale carriera deve aver conseguito una laurea in materie economiche, giuridiche, ingegneristiche e scientifiche.
Le competenze richieste al manager esperto nella gestione dei rischi ambientali sono però molto specifiche; per questo diviene un elemento quasi imprescindibile frequentare appositi corsi di specializzazione, quale il master in Environmental risk assessment and management di CINEAS, che consente di acquisire competenze ampie e articolate legate alla valutazione e alla prevenzione del rischio ambientale, alle tipologie degli impianti di trattamento e di bonifica, al trasporto di sostanze pericolose, al trasferimento assicurativo dei rischi legati all’inquinamento.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.