Raccontare la luce e la materia, OIKOS alla settimana del design

Raccontare la luce e la materia, OIKOS alla settimana del design

Oikos nei giorni della settimana del design propone un viaggio di ricerca del “senso della
materia”. La città di Milano, il salone alla Fiera di Rho, gli infiniti angoli del Fuorisalone
vengono punteggiati da una presenza diffusa dei colori e della materia Oikos attraverso
Luoghi, Suggestioni e Atmosfere.
La ragione di questo percorso sta nel voler dare ai visitatori l’opportunità di confrontarsi
con le infinite visioni della materia secondo Oikos, che da decenni produce colore e
materia per l’architettura, in una stagione particolarmente interessante in cui l’azienda ha
compiuto una propria, significativa, evoluzione nel rapporto con la materia.
Oikos, infatti, si pone oggi all’avanguardia avendo coraggiosamente scelto di
abbandonare le tradizionali classificazioni dei propri materiali e trattando la decorazione
finale come materia “in sé” che viene classificata in base al suo rapporto con la luce.
Così il percorso milanese di questi giorni, suddiviso in tre diverse articolazioni, diventa in
realtà un viaggio all’interno di questa nuova classificazione della materia.
I LUOGHI DI OIKOS. Sono spazi in cui la materia è dominante, protagonista assoluta

della narrazione e dello spazio. Oikos Reading Room, il luogo dei libri giganti alla
Fondazione Pomodoro. Oikos Museum, il primo “museo della materia” al termine del
percorso con Paola Lenti ai Chiostri dell’Umanitaria. Oikos at the Design Library: il luogo
dove reale e virtuale si incontrano, la materia è presente ma se ne parla nel web.
LE SUGGESTIONI. Gli spazi in cui la materia Oikos è la suggestione da cui prende le
mosse l’azione di progettisti, designer e artisti. Così nasce “The Fiction Hotel” di Maurizio
Favetta, mentre vive di materia Oikos la mostra dell’artista Alfredo Tanchis, “Paesaggi,
palcoscenici, inquilini”. E un filo ideale lega Roberto Semprini che avvolge di materia
Oikos “Arts&Crafts”, e Simone Micheli nella Simone Michele Gallery.
LE ATMOSFERE. Sono i luoghi in cui la materia Oikos ridefinisce lo spazio trasformando
gli ambienti. Si tratta di showroom, spazi espositivi firmati Snaidero, Valcucine, Effegibi,
Falper, Casali, Refin, Spotti, Poltrona Frau, Flou.
Oikos, dopo aver creato materia totalmente sostenibile, ha spinto sempre più in là le
potenzialità espressive delle decorazioni. La ricerca estetica. Per arrivare a indagare il
“senso della materia”.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.