Rifiuti in cerca d’autore. Quando l’arte diventa green

Rifiuti in cerca d’autore. Quando l’arte diventa green

La quarta edizione del premio internazionale “Rifiuti in cerca d’autore” si avvia verso una grandissima conclusione.
Venerdì 21 dicembre, nella splendida cornice di Santa Sofia a Salerno, si terrà infatti la premiazione del
concorso che ha visto ben oltre cento opere presentate, realizzate sviluppando il tema “Cibarsi d’arte per non mangiare rifiuti”.

Olga Marciano e Giuseppe Gorga dell’associazione Salerno in Arte, organizzatori della manifestazione hanno voluto sottolineare che la grande adesione e, soprattutto, la qualità dei lavori che sono stati presentati, sono la conferma dell’attenzione che questo concorso ha saputo conquistarsi in quattro anni, ricevendo adesioni da ogni parte d’Italia e non solo: alcuni concorrenti provenivano dalla Francia, dalla Svizzera e dalla Germania.

Non immediato il tema proposto: gli organizzatori hanno voluto mettere in correlazione cibo e rifiuti. «Alcuni artisti hanno affrontato le conseguenze che il problema rifiuti ha sulla salute degli alimenti; altri si sono concentrati sull’esigenza di ridurre gli sprechi alimentari, altri ancora sono andati a valutare gli imballaggi per i cibi e la conseguente produzione di rifiuti», hanno proseguito gli organizzatori.

Accanto ai premi per le migliori opere nelle sezioni pittura, design e fotografia, è stato confermato il premio per la miglior opera realizzata con l’utilizzo di RAEE, riconoscimento voluto da Ecolight, consorzio che si occupa della gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, delle pile e degli accumulatori.

«Promuovere l’arte e sensibilizzare al rispetto dell’ambiente sono due concetti che il consorzio ha sposato da tempo», sottolinea il presidente di Ecolight, Walter Camarda.
«I rifiuti elettronici, di cui ci occupiamo seguendone la raccolta e lo smaltimento grazie alle 1.500 aziende nostre consorziate, rappresentano un tema delicato e poco conosciuto.
Promuoviamo l’arte realizzata con i rifiuti attraverso il Museo del Riciclo (www.museodelriciclo.it), un portale web che raccoglie opere nate da materiali di scarto».

One Comment

  1. federico 18 dicembre 2012 at 12:48 -

    si possono fare tantissime cose con il cartone riciclato noi facciamo mobili che potete vedere su http://www.mobilidicartone.com/
    saluti

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.