Sap insegna a conciliare sviluppo e impatto ambientale

Sap insegna a conciliare sviluppo e impatto ambientale

All’Energy Park di Vimercate, parco tecnologico ecosostenibile, si è svolto il 2° SAP Sustainability Forum promosso sa SAP, leader mondiale nelle soluzioni software per il business.

Con più di 200 persone tra cui esponenti di Supply Chain Manager, CSR Manager, Direttori delle Risorse Umane ecc. si è a lungo dibattuto sulle attuali possibilità di crescita economica, sulla finanza sostenibile e sullo sviluppo delle economie dei Paesi più poveri in un’ottica di ridotto impatto ambientale.

Tra gli ospiti speciali era presente Jacques Attali, presidente di PlaNet Finance che ha trattato la microfinanza come strumento efficace di risposta alle sfide di Corporal Social Responsability.

E’ stata inoltre riportata l’esperienza di SAP e PlaNet Finance in Ghana come esempio tangibile di supporto all’imprenditorialità locale grazie alle nuove tecnologie.

Obiettivo dell’importante meeting era promuovere una cultura d’impresa consapevole e critica senza tralasciare l’etica nell’ambito delle attività di business.

Tiberio Tesi, Chief Sustainability Officer di SAP Italia e Head of Human Resources for Emerging Markets EMEA, ha infatti sottolineato come l’attenzione sia stata posta sulla sostenibilità economica e sull’imprenditorialità sociale fornendosi anche dell’esperienza Sap in Ghana e Brasile.

Altre importanti protagoniste sono state le aziende Arval, Assicurazioni Generali, Ducati Energia, Expo 2015, INPS e Terna che in una tavola rotonda hanno presentato a turno le loro esperienze dirette.

Il tema della sostenibilità presentato al forum è perfettamente in linea con il modello di business di Expo 2015, che propone all’attenzione mondiale il tema “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”,utilizzando la tecnologia sotto tre diversi aspetti: come strumento per consentire l’accesso ai contenuti online in modo divertente e attrattivo, come innovazione al servizio di una visita sostenibile e come tecnologia per la creazione e la fruizione di servizi integrati collaterali all’ Esposizione.

Infine durante il Forum Carlo Cici, Partner RGA, ha presentato i risultati della ricerca: “Tempi insostenibili? Secondo rapporto su sostenibilità e competitività” nella quale sono state messe a confronto le risposte di più di 50 importanti aziende italiane. Grazie ai risultati è stata tracciata la mappatura dell’indice di competitività sostenibile di circa 40 Paesi che ha permesso di comprendere la correlazione fra sostenibilità e competitività.

Le emissioni di anidride carbonica prodotte dal 2° SAP Sustainability Forum sono state compensate grazie al supporto tecnico di AirPlus ed EcoWay.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.