Trashware regala una nuova vita ai vecchi computer

Trashware regala una nuova vita ai vecchi computer

Recuperare i computer non più utilizzati perché obsoleti o con qualche piccolo problema di funzionamento per metterli a disposizione di scuole, cittadini o associazioni di volontariato? È l’obiettivo di “Trashware Cesena“, il progetto di riutilizzo dei personal computer usati che prende il via nella città romagnola.

Operativo già dai primi giorni di gennaio 2011 questo progetto permette di avere meno rifiuti elettronici nei cassonetti e più computer a disposizione di chi ne ha bisogno: il tutto grazie alla valorizzazione delle capacità dei giovani universitari a cui è affidata la gestione della bella iniziativa.

Il recupero dei prodotti avviene unendo i componenti di due o più pc, in modo da realizzarne uno perfettamente funzionante: verificato il funzionamento dell’hardware, si procede all’installazione di software libero, cioè privo dei costi di licenza e con necessità di potenza ridotte.

Dal punto di vista operativo, il progetto è gestito dall’associazione studentesca S.P.R.I.Te che, attraverso il sito internet www.trashwarecesena.it, riceve i PC, esegue le riparazioni finalizzate al loro ripristino/riutilizzo, gestisce la lista di richieste da parte delle realtà cittadine interessate ed organizza momenti di formazione sull’uso di base dei computer.

Il problema dello smaltimento dei rifiuti hi-tech (RAEE) – che rappresentano più del 5% del totale dei rifiuti generati – grava notevolmente sulla salute del nostro pianeta. Grazie a questa iniziativa – che speriamo non rimanga troppo a lungo isolata – è possibile ridurre la quantità di RAEE, ma anche i costi di fabbricazione di nuovi PC.

Leave A Response

You must be logged in to post a comment.